SEGNI DEI TEMPI

Giornata Mondiale dell’Ambiente 2017

Il passaggio in atto nell’evoluzione del Pianeta tra lo stato dell’umano e l’avvento dell’ultra umano, sta determinando il superamento tra mondo biofisico e mondo umano, tra natura e cultura, ecco la vera “CRISI” epocale in cui versa il Mondo. Lo sviluppo irreversibile della “Noosfera” presuppone lo sviluppo “dell’Ambiente Divino” e, “custodire il Creato”, (che non riusciamo a custodire), forse, non è più appropriato e occorre “accompagnare il Creato” nella sua evoluzione, verso un ultra evoluzione umana. Impresa, sovrumana, si e sicuramente noosferica, ma di una “noosfericità” teilhardianamente concepita. Teilhard de Chardin auspicava che si fossero gettate le basi di una tecnica dell’ultra evoluzione (L’activation de l’énergie p.265-266) e auspicava un nuovo umanesimo, capace di generarla e di padroneggiarla, per guidare l’Evoluzione. Egli ha più volte rilevato, che il progresso non è, dal punto di vista evolutivo, sempre positivo e aveva pienamente ragione, perché sta già succedendo che porti, tragicamente, all’alterazione dei parametri di stabilità raggiunti stabilmente da milioni di anni, dalla Biosfera. PURTROPPO IL RAPPORTO UOMO/NATURA è diventato un presunto progresso, che sta alterando questi parametri, minando così la sopravvivenza della vita, che rischia d’interrompersi, bruscamente, sulla Terra. Oggi c’è qualcosa di nuovo sotto il sole, l’ EVOLUZIONE ci pone di fronte alle nostre responsabilità epocali: crescere, diventando migliori, per un avvenire dell’UOMO PIENAMENTE EVOLUTO, o continuare a decrescere, diventando peggiori, per continuare verso uno pseudo progresso, nel quale, inevitabilmente, ci disperderemo come rami secchi, dell’ EVOLUZIONE.

INSIEME “PER UN UOMO PIENAMENTE EVOLUTO”.