Diario 2

SEGNI DEI TEMPI 18 MARZO 2019 SEGNI DEI TEMPI

L’azione di Papa Francesco, la Laudato sì,

l’appello dei vescovi della Chiesa Cattolica sul clima, i cristiani che si muovono.

Finalmente, la Chiesa Cattolica Apostolica Romana è, veramente, “punta e freccia dell’evoluzione”.

Così definiva la Chiesa di Roma Pierre Teilhard de Chardin, rispondendo ai suoi colleghi scienziati che, quasi tutti atei e agnostici, gli rimproveravano di essere stato posto all’indice dalla Chiesa Cattolica di Roma, anche per la sua visione “evolutiva” del CREATO. Si, ciò nonostante si definiva cristiano, cattolico, apostolico, romano e lo era. Con parresia, come sacerdote e scienziato, tra l’altro paleontologo, diceva anche il perché. “La CHIESA

-diceva ai suoi colleghi scienziati, da scienziato- è, hic et nunc, (qui e ora) il più grande focolaio d’amore collettivo che brucia al mondo”. Teilhard, che insegnò anche fisica all’Università del Cairo, estrapolava che, come la forza di gravità, teneva uniti, pianeti, stelle, galassie, ammassi galattici e tutti i corpi nell’UNIVERSO in evoluzione, così l’Amore appariva, forse, come l’unica forza capace di unire tutta l’Umanità nella complessità verso la NOOSFERA e l’ultra umano (il genere umano e tutto lo psichico? in evoluzione).

Scriveva Tailhard: “…vorrei dar voce alla mia fede nell’azione umana e nell’unità umana, alla mia collera contro le pareti e i soffitti che ancora dividono in compartimenti stagni frammenti spirituali destinati a unirsi…al centro dello spazio siderale”. Teilhard ce lo ricorda “al centro dello spazio siderale”, forse soli? tra miliardi e miliardi di galassie, miliardi e miliardi di stelle, miliardi e miliardi di uomini.

Si solo una forza potente, pervasiva, nota e misteriosa come la gravità, che unisce l’Universo, potrà unire una Umanità biologica e psichica in via di complessificazione universale nello stesso Universo. Questa forza, dice Teilhard, può essere solo L’AMORE. (L’amor che move il sole e l’altre stelle, cantica XXXIII, v. 145, ultimo verso.) Teilhard de Chardin conosceva la Divina Commedia e Dante, che amava e sentiva vicino alla sua Visione.

COME non ricordarci allora che, nonostante il male che produce, l’unica Specie capace di un amore collettivo è l’Uomo e che il più grande focolaio d’Amore collettivo al Mondo è la Chiesa, la Chiesa di Cristo. Sta a noi cristiani, confrontarci su questo punto, con chi cristiano non è, per costruire convergenze operative di solidarietà, che è pur sempre amore, amore collettivo. Si, Solidarietà e Società, non potrà esserci una società globale planetaria, men che meno interplanetaria (forse già evoluta

nell’ultra umano) senza solidarietà, senz’Amore.

Ecco una visione, per il Movimento Azzurro! Perché no? Questo i Cristiani possono capirlo e… vederlo.

I non cristiani, forse, questo attendono da noi: una meta travolgente, entusiasmante, SUBLIME, ASSOLUTAMENTE UNICA, INCONCEPIBILMENTE BELLA:

Creazione-Cristificazione, l’unione del Creato con l’Increato,

Cristo vero Uomo, vero Dio, AMORE, via, verità e vita!

Frido Guadagni Presidente Eco Sezione Intra Tevero et Arno, Arezzo.

Responsabile nazionale Dipartimento Sviluppo ed Evoluzione del Movimento Azzurro

WWW. SOSSOLIDARIETASOCIETA.IT NUOVI ORIZZONTI

ALLA MEMORIA DI MIA FIGLIA INGRID E SUO FIGLIO ANDREA E DEDICATO A SILVIA, MIA MOGLIE E SUA MADRE NEL GIORNO DELLA RICORRENZA

DELLA NASCITA DI NOSTRA FIGLIA 18 MARZO

TU SEI INGRID, ANDREA TUO FIGLIO, È.

ORA VEDETE IN PIENEZZA,

PER QUESTO HO PERDONATO,

PERCHE’ SOLO NELLLA PIENEZZA DELL’AMORE*

SI È.

* IMPOSSIBILE STABILIRE DEI RAPPORTI DI AMORE AL DI FUORI DELLA VERTA’, Louis Lochet, 1914-2002, sacerdote francese, autore di numerosi testi di spiritualità cristiana. (Purtroppo la verità giuridica su Ingrid e Andrea, ancora è al di fuori della VERITA’)

SEGNI DEI TEMPI SEGNI DEI TEMPI